Deposizioni di armi durante l’età del Bronzo

Print Friendly

Rock Art Congress

TRACCE no. 9 – by Patrizia Frontini


2nd International Congress of Rupestrian Archaeology
2-5 October 1997 DARFO BOARIO TERME
Aspetti rituali delle deposizioni di armi durante l’età del Bronzo: alcuni spunti.
La deposizione di spade nei fiumi è documentata nell’Italia settentrionale a partire da una fase iniziale del Bronzo Medio.

Back to Index

1. La deposizione di spade nei fiumi. La deposizione di spade nei fiumi è documentata nell’Italia settentrionale a partire da una fase iniziale del Bronzo Medio (BM) da un numero non elevato di reperti distribuiti prevalentemente nella parte centro-orientale dell’area. Il fenomeno si intensifica e si estende geograficamente nelle fasi più avanzate del Bronzo Medio, nel Bronzo Recente (BR) e tocca il suo apice nel momento di passaggio tra Bronzo Recente e Finale (BF).

In almeno tre zone (Sile, presso S. Antonino, medio corso del Chiese, Po presso Caorso) il rinvenimento di più spade di epoca diversa indica la ripetitività di un gesto forse legato a rituali in un luogo deputato, riconosciuto come sacro.

Nella fase di passaggio dal BR al BF anche nell’area palafitticolo-terramaricola sono diverse le spade rinvenute nei fiumi, solo raramente documentate nella parte centrale dell’area (2 casi dal Veronese), più stesso attestate in “fasce di confine” (Trentino, zona del Bacchiglione, Caorso e zona del Chiese). E’ questo il momento della fine della cultura palafitticolo-terramaricola che cessa completamente, per motivi ancora non concordemente riconosciuti ma che chiamano in causa una crisi interna del sistema economico e organizzativo che aveva retto per secoli, deterioramenti climatici che diminuiscono la potenzialità produttiva della campagna e migrazioni di popoli ben documentate per il Mediterraneo orientale. Considerando il valore dell’acqua per le comunità agricole e la distribuzione delle spade deposte nei fiumi dell’area palafitticolo-terramaricola nella fase BR-BF è possibile che in questo momento di instabilità economica e politica l’offerta della spada (insegna del capo della comunità) alle acque possa avere significati propiziatori e di protezione dei confini. Non è escluso che essa fosse connessa anche ad alcuni aspetti del rituale funerario, sebbene per ora la suggestiva ipotesi avanzata da diversi studiosi sia solo indiziaria.

La documentazione disponibile è insufficiente per valutare se i significati interpretativi proposti per la fase di passaggio BR-BF possano e in che misura spiegare anche le deposizioni di spade più antiche, sebbene sia proprio del rito mantenere invariati i valori semantici fondamentali.

2. Il ripostiglio di Ello-Oggiono (Lecco). Il complesso di manufatti in bronzo noto come ripostiglio di Ello-Oggiono è composto da un elmo, due spade, due pugnali, due asce, quattro o cinque punte di lancia e alcune lamine. Fu rinvenuto a più riprese tra il maggio 1926 e il gennaio 1927 in una frattura della roccia, insieme a frammenti di ossa animali e umane, durante il lavori in una cava di pietra. L’ipotesi che si tratti di offerte votive (forse connesse a rituali iniziatici di guerrieri) si basa sulla ubicazione del deposito (una frattura della roccia, con significato assimilabile a quello delle grotte), la composizione del complesso (esclusivamente armi accompagnate da ossa, possibili resti sacrificali), il rinvenimento non unitario che può indicare successive deposizioni nello stesso luogo.

Patrizia Frontini
Civiche Raccolte Archeologiche
P.zza Castello, 20121 MILANO – ITALY
Tel. 02.62083941 – Fax. 02.86452796

Bibliografia

BRADLEY R., 1990. The passage of Arms, Cambridge

TORBRÜGGE W., 1971. Vor un frügeschichtilche Flussfunde. Zur Ordnung und Bestimmung einer Denkmälergruppe, Bericht RGK 52-22, pp. 1-145

DE MARINIS R.C., 1994. Preistoria e Protostoria, in CASINI S. (a cura di), Carta Archeologica della Lombardia. La provincia di Lecco, Modena, pp. 19-80

SCHAUER P., 1981. Urnenfelderzeitlicher Opferplätzen in Hölen und Felssplaten, in Studien zur Bronzezeit. Festschrift für W. A. v. Brunn, Mainz, pp. 403-418


TRACCE no. n.10special issue for RA Congress 1997Back to Index


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

eleven − 3 =